CETRARO

CETRARO

La città di Cetraro

“A’ mattinata fa la jurnata”

Il lavoro più redditizio è quello di prima mattina, cominciando all’alba. Lo sapevano bene i contadini e artigiani del tempo passato.

Le origini

cetraro-12_L

Di origini antichissime, Cetraro probabilmente la prima città marittima bruzia. In molti hanno ipotizzato «rapporti di parentela» con l’antica Temesa; altri l’hanno messa in relazione con la famosissima Lampezia. Quasi certamente il nome Cetraro è dovuto all’abbondante produzione di cedro che c’era nelle campagne circostanti ma non manca chi ha voluto ricollegare il nome al fiume Aron che attraversa il suo territorio. Il Comune è oggi diviso in Cetraro Superiore e il moderno centro di Borgo S. Marco, fondato da un comitato veneto dopo il terremoto del 1905. Il borgo S. Marco è lungo la costa. 

 

Il centro storico

Cetraro-1

Il Centro Storico di Cetraro (a 3,7 km dall’ hotel), conserva ancora il suo originale assetto difensivo medievale, con case addossate le une alle altre, spesso comunicanti, a disegnare un dedalo di stretti vicoli affacciati sul mare. Alcuni edifici presentano ancora la caratteristica smussatura agli angoli, per consentire l’ampliamento del passaggio in tempi più recenti. Corso Roma e Via Regina Elena rappresentano gli assi viari principali, convergenti verso il nucleo centrale fondato dai monaci di Montecassino. I palazzi nobiliari, settecenteschi e ottocenteschi, conservano splendidi portali lavorati e gli stemmi delle antiche casate. La targa posta su Palazzo Giordanelli ricorda il passaggio di Riccardo Cuor di Leone, in partenza per le crociate.   

 

Il Borgo e il lungo mare

Cetraro5

Il borgo di Cetraro (a 3,5 km dall’hotel) sta pian piano cambiando volto. Le ultime due novità riguardano i lavori di piantumazione sul nuovo lungomare (a 2,6 km dall’hotel).

 

Il porto turistico di Cetraro

foto per collage -Ivan (1)

Il porto di Cetraro (a 800 km dall’hotel) è costituito da un molo di sopraflutto a due bracci, che si estende per sud-est, lungo circa 450 m; a circa 160 m dalla testata si diparte il Molo Martello lungo 160 m orientato per nord-est che con il molo si sottoflutto di 240 m delimita l’imboccatura. Lo specchio acqueo interno è diviso in due dal pontile principale: la riva è banchinata. All’interno, a dritta entrando, si trova una darsena delimitata dal Pontile Principale e da due pontili secondari. Da luglio 2009 nel porto è stata aperta la darsena turistica con i pontili galleggianti muniti di servizi di acqua ed elettricità. La darsena può ospitare fino a circa 500 posti barca e sono presenti servizi igienici e docce.  La gestione è diretta dal Comune di Cetraro.